Regionali, Aiello: “Callipo non rappresenta affatto la sinistra”

0
57

Callipo non intende affrontare confronti sui disagi della Calabria, come potrà interfacciarsi un domani con i cittadini, le parti sociali, il governo?

Quello di Isola Capo Rizzuto è un territorio con altissime potenzialità e una bassa qualità della vita. Oggi conta migliaia di cittadini delusi, rassegnati e sfiduciati dalla politica – scrive in una nota Francesco Aiello, candidato alla presidenza della Regione Calabria.

E’ chiaro che in questi luoghi, la politica deve riappropriarsi degli spazi democratici per aiutare a definire una strategia di sviluppo. Possibilmente condivisa, l’esito di un processo di democratizzazione della definizione delle politiche. Tuttavia – continua Aiello – la campagna elettorale in corso si sta caratterizzando per la totale assenza di idee e proposte sui temi dell’occupazione, della giustizia sociale e delle lotte a favore dei cittadini e dei lavoratori. Un’assenza dovuta soprattutto alla crisi di identità di quella sinistra che in passato ha amministrato e indirizzato le lotte sociali in molti territori della Calabria.

CALLIPO NON E’ UN UOMO DI SINISTRA

Lo stesso Pippo Callipo non è un uomo di sinistra o di centro-sinistra: alle elezioni regionali del 2014 ha sostenuto Wanda Ferro. Oggi è sostenuto dal PD, ossia dagli avversari di un tempo. Non ha visioni di sinistra. Callipo, peraltro, non intende affrontare confronti sui disagi della Calabria, si dilegua e si rifiuta di misurarsi con gli altri. Allora, la domanda sorge spontanea: con questi presupposti, come potrà (eventualmente) interfacciarsi un domani con i cittadini, le parti sociali, il governo? Io – conclude –  sto visitando in lungo e in largo la Calabria per ascoltare i territori e le istanze dei cittadini. Finora ho appreso quanto segue: in questo marasma politico, noi siamo l’unica alternativa possibile.