GeoResQ, l’app per il soccorso in montagna diventa gratuita per tutti

0
218

Il Club Alpino Italiano (CAI) e il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) hanno annunciato importanti novità per l’applicazione GeoResQ, dedicata alle attività in montagna e al soccorso in caso di emergenza. Grazie ai fondi straordinari stanziati dal Ministero del Turismo (MITUR) a favore del CAI, l’applicazione diventa gratuita a partire dal 10 luglio e viene completamente rinnovata per migliorare l’esperienza degli utenti.

La decisione di rendere GeoResQ gratuita è stata presa per mettere la sicurezza al primo posto e garantire a tutti la possibilità di godersi le attività in montagna con la consapevolezza di avere un contatto diretto con i soccorritori in caso di bisogno. Il Ministro del Turismo, Daniela Santanchè, ha sottolineato l’importanza di investire nella sicurezza e ha evidenziato il ruolo del MITUR nell’investire sul turismo di montagna come segmento attrattivo e sostenibile.

L’applicazione GeoResQ è stata lanciata nel 2013 dal CAI e dal CNSAS, e ad oggi ha registrato oltre 220.000 download e conta 82.000 utenti attivi ogni anno. Durante questo periodo, sono state effettuate 1322 chiamate di soccorso, con 578 interventi del Soccorso Alpino e 740.000 tracce salvate dagli utenti durante le escursioni. L’app è utilizzata abitualmente da escursionisti e amanti delle attività all’aria aperta in tutte le stagioni dell’anno.

Le centrali operative di GeoResQ si trovano a Sassari, in Sardegna, e a Cassano Irpino, in Campania. Le centrali sono attive 24 ore su 24, 365 giorni all’anno, e sono gestite dagli operatori del CNSAS con formazione specifica. Quando viene inviato un allarme alla centrale, viene preso in carico e inoltrato al Soccorso Alpino e Speleologico locale, oltre che al numero di emergenza NUE112, se disponibile. È attualmente in corso lo studio per l’integrazione con i sistemi NUE112 regionali e sono previste nuove implementazioni per la comunicazione satellitare.

Nell’ambito del rinnovamento dell’app e del portale web di GeoResQ, è stata anche rivisitata l’identità visiva per rendere l’applicazione più intuitiva e semplice da utilizzare, sia per il tracciamento delle proprie escursioni sia in caso di emergenza, per lanciare l’allarme e contattare direttamente il Soccorso Alpino e Speleologico.

Il Presidente generale del Club Alpino Italiano, Antonio Montani, ha dichiarato che, grazie ai fondi del MITUR, l’app ora può offrire un vero servizio pubblico a tutti coloro che frequentano le zone montane. Tuttavia, ha sottolineato che la sicurezza totale non esiste sui sentieri e sulle pareti, e l’applicazione dovrebbe essere affiancata dalla formazione e dalla valutazione delle proprie capacità e dei pericoli dell’ambiente montano.

Maurizio Dellantonio, Presidente del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, ha evidenziato che in 10 anni di utilizzo, l’app GeoResQ ha fatto la differenza in oltre 550 interventi di soccorso ed è diventata uno strumento importante per coloro che frequentano le montagne. Ha sottolineato che la tecnologia non può sostituire le competenze tecniche e la prudenza individuali, ma GeoResQ è sicuramente un valido aiuto sia durante l’estate che l’inverno.

Alessandro Molinu, Vicepresidente del CNSAS e responsabile del progetto GeoResQ, ha sottolineato come l’ultimo aggiornamento dell’app permetta un miglioramento concreto per gli utenti, mantenendo al contempo la semplicità d’uso e l’affidabilità nella gestione delle richieste di soccorso.

Con l’applicazione GeoResQ resa gratuita e rinnovata, l’obiettivo del CAI, del CNSAS e del MITUR è fornire un servizio di soccorso in montagna sempre più efficiente e accessibile a tutti, garantendo maggiore sicurezza per coloro che si avventurano nell’ambiente montano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!