Chiara Ferragni indagata per truffa aggravata

0
239
Caso pandoro Balocco, Chiara Ferragni indagata per truffa aggravata

Chiara Ferragni è indagata per truffa aggravata

La svolta è arrivata ieri in serata. L’ipotesi – che è costata all’imprenditrice digitale la multa da un milione di euro da parte dell’Antitrust – è di aver lasciato intendere che acquistando il pandoro, si sarebbe sostenuta la ricerca sull’osteosarcoma e sarcoma di Ewing per comprare un nuovo macchinario, ma in realtà la vendita non avrebbe influito sulla beneficenza e su una somma già stabilita. Una ricostruzione, che alla luce dello scambio di mail tra il gruppo dolciario e Ferragni, porta la procura milanese a ipotizzare il reato di truffa aggravato dalla ‘minorata difesa’, aggravante che interviene quando il presunto raggiro avviene su piattaforme online.

Chiara Ferragni così come l’amministratrice delegata Alessandra Balocco e i rispettivi staff coinvolti saranno chiamati presto dalla procura di Milano a rispondere per chiarire gli aspetti di un accordo stipulato nel novembre 2011 e in cui occorrerà dimostrare l’ingiusto profitto e dove sarebbe stato conseguito (per stabilire la competenza territoriale, ndr.) e il danno per ogni consumatore che ha acquistato il pandoro ‘griffato’ da oltre 9 euro.

Sulla questione sono intervenute le Donne in Rete contro violenza: “A noi cachet Sanremo da 150mila euro”

“A seguito di numerosi articoli che hanno messo in dubbio l’effettiva donazione del cachet di Sanremo a D.i.Re – Donne in Rete contro la violenza, l’associazione conferma di aver ricevuto 150.000 euro tramite bonifico da TBS Crew srl in data 12/01/2023”. Lo chiarisce in una nota la rete antiviolenza a cui Chiara Ferragni aveva devoluto il cachet previsto per la sua co-conduzione del festival di Sanremo 2023.  “L’erogazione liberale – precisa D.i.Re – è stata destinata allo sviluppo di sportelli lavoro in 16 centri antiviolenza della rete D.i.Re. I fondi distribuiti a seguito di una call interna ai centri del 09/05/2023 per la presentazione obiettivi del fondo lavoro e avviso per presentazione proposte. Selezionati 16 centri antiviolenza che hanno ricevuto i finanziamenti a fondo perduto attraverso bonifici effettuati dal 22/06/2023 al 07/07/2023, a seguito della ricezione della convenzione sottoscritta dall’associazione socia”.

Ferragni: “Ho sempre agito in buona fede, sono serena”

“Sono serena perché ho sempre agito in buona fede e sono certa che ciò emergerà dalle indagini in corso” ha detto Chiara Ferragni, assistita dagli avvocati Marcello Bana e Giuseppe Iannaccone.  “Ho piena fiducia nell’attività della magistratura e con i miei legali mi sono messa subito a disposizione per collaborare e chiarire ogni dettaglio di quanto accaduto nel più breve tempo possibile”. “Sono, invece, profondamente turbata – conclude Chiara Ferragni – per la strumentalizzazione che una parte dei media sta realizzando, anche diffondendo notizie oggettivamente non rispondenti al vero”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!